ImmagineIndirizzo : Via Fontanarossa, 95121 Catania (CT)
Codice IATA/ICAO : CTA/LICC
Altitudine : 13 m
Sito internet : aeroporto.catania.it
Numero di telefono : 095 723 9111
Società di gestione : SAC – Società Aeroporto Catania

Modulo di Contatto diretto via internet : http://www.aeroporto.catania.it/form/contatti-aziendali/

 

<<DESCRIZIONE>>

L’aeroporto Vincenzo Bellini di Catania-Fontanarossa è, al 2015, il sesto aeroporto d’Italia per traffico passeggeri, il primo del Mezzogiorno e il secondo per traffico nazionale. Inoltre la tratta Catania-Roma è la più trafficata a livello nazionale e la quarta in Europa.

Il 5 maggio 2007, alla presenza del ministro dei trasporti Alessandro Bianchi, è stata inaugurata la nuova aerostazione intitolata a Vincenzo Bellini, nella quale accogliere, con elevati standard di qualità di servizio, l’incremento del traffico aereo previsto per lo scalo etneo. Il vecchio terminal “Filippo Eredia” è rimasto in funzione fino alla sera del 7 maggio 2007, in concomitanza con l’apertura al pubblico del nuovo terminal (all’alba dell’8 maggio 2007).

 

**INFORMAZIONI GENERALI**

È il principale aeroporto della Sicilia e il primo del Mezzogiorno ed uno dei maggiori fra quelli italiani. Il traffico è in continua espansione, con numerosi voli di linea e charter favoriti dalla posizione geografica, dalle condizioni climatiche e dai collegamenti stradali e marittimi.

Vista l’inadeguatezza del precedente impianto, progettato negli anni settanta per accogliere un traffico massimo di un milione di passeggeri annui, negli scorsi anni è stata realizzata a fianco una nuova e più grande aerostazione. È stata, inoltre, ampliata l’area di sosta per i velivoli e realizzata una nuova via di rullaggio che collega il piazzale di sosta aeromobili con la testata pista 08. La consegna dei lavori del nuovo impianto e delle opere connesse è avvenuta il 21 dicembre 2006, con quasi due anni di ritardo rispetto a quanto inizialmente previsto (inverno 2005) ed è stato aperto al pubblico l’8 maggio 2007.

Lo scalo è soggetto talvolta a limitazioni operative o temporanee chiusure a causa delle ceneri vulcaniche che possono invadere lo spazio aereo e le piste durante le eruzioni dell’Etna obbligando, per motivi di sicurezza, a dirottare i voli sugli altri aeroporti della regione. Per gestire tale fenomeno, il Dipartimento della Protezione Civile nel gennaio 2010 ha installato nell’air-side dell’aeroporto un innovativo radar in banda X in doppia polarizzazione per il monitoraggio delle nubi di cenere vulcanica emesse dall’Etna, a supporto delle autorità preposte alla regolamentazione e al controllo del traffico aereo.